I senza volto - La scalata a una banca può comportare certi costi

Una agente di polizia con la passione per gli scacchi, un giornalista d'inchiesta morto perché forse aveva scavato troppo a fondo, una banca fallimentare che sta subendo una scalata finanziaria e un'associazione di azionisti decisa a far valere le proprie ragioni.

Questi gli ingredienti del vincitore del Premio Prunola 2019 nella sezione PandaNoir, di Paolo Delpino, che al suo sesto libro pubblicato si conferma un giallista di spessore, in grado di accalappiare il lettore con una trama complessa e avvincente, che lascerà in sospeso il respiro di chi si avventurerà nella lettura.

Leggi un'anteprima

I senza volto - La scalata a una banca può comportare certi costi

di Paolo Delpino

Pagg. 206

Cm 15x21

ISBN 9788893781688

 

Silvana Santi è un'ispettrice di polizia che indaga sulla morte di Benedetto Montone, un giornalista coinvolto nella vicenda di Credito 2000, una banca che è esposta a una scalata ostile, lasciando a bocca asciutta molti suoi soci, per lo più persone comuni. Ma durante le indagini al suo fidanzato Fabrizio Schenati, a sua volta giornalista, arrivano delle telefonate “interessanti” da parte di un sedicente informatore. Le investigazioni procedono tra associazioni di soci, movimenti politici ed economici ben informati e piazzati, e tentativi di depistaggio, oltre che attentati omicidi nei confronti di Silvana.

Si scoprirà che non tutto ciò che si vede è infine reale, e che a manovrare le leve del credito non sono esattamente delle persone specchiate, anzi... Riuscirà Silvana a scoprire i veri mandanti? Come reagirà quando le verrà affiancata la sua (ex) amica Alberta?

Un romanzo giallo di spessore per la penna affermata di Paolo Delpino, vincitore della Sezione PandaNoir del Premio Prunola 2019.

 

Ottieni l'ebook da Amazon a prezzo speciale

Oppure acquista il cartaceo:

I senza volto

15,00 €

  • 0,35 kg
  • consegna in 10-15 giorni dalla spedizione

Scopri anche...

Maria Cristina Ruggieri

Veleggiata in acque torbide

Marcello Tramontana

Una singolare coincidenza