Il cerchio si chiude

di

Pagg. 336

Cm 13x21

ISBN 88888852050

 

 

Dalla prefazione di Giorgio Segato.
Il “cerchio si chiude” è quello della vita di Eugenio Trestini, già docente di Lingua e Letteratura latina a Pisa, pensionato, vedovo settantottenne, in fuga dal quartiere San Lorenzo di Firenze, verso Viareggio; in fuga dalla vita e dagli incubi fatti dei ricordi della vita, verso un sogno di serenità, di pace, di ritrovato amore. La vita è il ‘cerchio’ e si può raccontarla partendo da qualsiasi frammento, da un qualsiasi episodio: piano piano il cerchio si ricompone. Le esperienze significative non sono poi così tante. E le ultime si ricongiungono alle prime.
Nel breve tragitto in auto fino alla Versilia il racconto ci offre, in abile flashback retrovisivo, i frammenti di rilievo della sua esistenza, sempre connotati da precisi eventi di riferimento: l’estate del 1938 (studente liceale: Empoli, San Pietro in Mercato, la scampagnata a Villa Medicea, Montecatini e la Pensione Fiordaliso); poi dal settembre 1943 (da tenente: l’armistizio) all’agosto 1944 (partigiano alla macchia, l’assalto alla caserma e al convoglio in Garfagnana); il 1951 e la vita nuova da docente universitario e, nel novembre, l’alluvione del Polesine (quindici giorni di volontariato, il salvataggio di una famiglia, Tono Zancanaro intento a riprendere l’alluvione)…

Il cerchio si chiude

15,00 €

  • consegna in 10-15 giorni dalla spedizione